6 aprile 2009

Poco fa ho letto il post di Aldievel e mi è venuto in mente questo pezzo, è una poesia di Paolo Messina messa in musica da Pippo Pollina, un grande musicista italiano che in terra nostra è quasi misconosciuto.
L’origine è diversa dall’evento di cui si parla nel post, il terremoto dell’Aquila, ma mi fa venire in mente quel che possono aver provato le persone che erano lì, quella notte ed i giorni successivi, chi si è salvato, chi ha perso la casa, chi ha perso una persona cara.
Il testo della poesia è in siciliano, ne ho aggiunto a lato la traduzione che ho trovato qui.

Crack

 

“Versi per la libertà” – Pippo Pollina

Ammanitati lu ventu Ammanettate il vento
si criditi se credete
ca vi scummina li capiddi che vi scombina i capelli
lu ventu ca trasi dintra li casi il vento che entra nelle case
pi cunnurtari lu chiantu per consolare il pianto
lu ventu ca trasi dintra li casi. il vento che entra nelle case.
.
Ammanittati lu chiantu Ammanettate il pianto
si criditi se credete
pi cuitari lu munnu per tranquillizzare il mondo
lu chianti ca matura dintra li petti il pianto che matura nei petti
e sdirrubba li mura e astuta li cannili e distrugge le mura e spegne le candele
e sdirrubba li mura e astuta li cannili. e distrugge le mura e spegne le candele.
.
Ammanittati la fami Ammanettate la fame
si criditi se credete
d’addifinnirivi li garruna di difendervi i galloni
ma la fami nunn’avi vrazza ma la fame non ha braccia
lu chiantu nunn’avi affruntu il pianto non ha vergogna
ma la fami nunn’avi vrazza ma la fame non ha braccia
lu chiantu nunn’avi affruntu il pianto non ha vergogna
lu ventu nun sapi sbarri. il vento non conosce sbarre.
.
Ammanittati l’ummiri Ammanittate le ombre
che di notti vannu pi li jardina che di notte vanno nei giardini
a mettiri banneri supra li petri a mettere bandiere sopra le pietre
e chiamanu a vuci forti li matri e chiamano a voce forte le madri
ca nunn’annu cchiù sonnu che non hanno più sonno
e vigghianu d’arreri li porti e vegliano dietro le porte (chiuse)
ammanittati li morti. ammanettate i morti.
Ammanittati li morti Ammanettate i morti
si criditi. se credete.

11 pensieri su “6 aprile 2009

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...